Difference between revisions of "Assembly/it"

From FreeCAD Documentation
Jump to navigation Jump to search
Line 5: Line 5:
 
{{TOCright}}
 
{{TOCright}}
  
In FreeCAD il termine "[[Assembly|Assembly]]" (traducibile come "assemblaggio") è normalmente usato per riferirsi a un [[Model/it|modello 3D]] che è composto da diverse parti distinte, assemblate assieme in modo da creare un oggetto funzionale, proprio come sono fatti i prodotti nel mondo reale.
+
In FreeCAD il termine "[[Assembly/it|Assemblaggio]]" è normalmente usato per riferirsi a un [[Model/it|modello 3D]] che è composto da diverse parti distinte, assemblate assieme in modo da creare un oggetto funzionale, proprio come sono fatti i prodotti nel mondo reale.
  
 
Ad esempio, un bullone, una ranella e un dado sono tre corpi separati che, quando messi assieme, compongono un assemblaggio.
 
Ad esempio, un bullone, una ranella e un dado sono tre corpi separati che, quando messi assieme, compongono un assemblaggio.

Revision as of 21:16, 4 April 2020

Other languages:
Deutsch • ‎English • ‎français • ‎italiano • ‎polski • ‎português do Brasil • ‎русский

Introduzione

In FreeCAD il termine "Assemblaggio" è normalmente usato per riferirsi a un modello 3D che è composto da diverse parti distinte, assemblate assieme in modo da creare un oggetto funzionale, proprio come sono fatti i prodotti nel mondo reale.

Ad esempio, un bullone, una ranella e un dado sono tre corpi separati che, quando messi assieme, compongono un assemblaggio.

PartDesign Body contiguous separate.png PartDesign Body contiguous assembly.png

A sinistra: tre solidi contigui separati, ognuno dei quali modellato da un corpo di PartDesign. A destra: i corpi separati uniti assieme in una Parte per creare un assemblaggio.

Utilizzo

Assemblaggio manuale

In termini generali, non c'è bisogno di strumenti particolari per creare assemblaggi; è sufficiente avere diversi corpi organizzati in qualche maniera.

Per posizionare i corpi dove li si vuole, si può

Si può usare uno degli ambienti complementari pseudo-assembly, come Lattice2, Manipulator, Part-o-magic, o WorkFeature, per avere un aiuto nel trovare intersezioni, misurare distanze e distribuire gli oggetti nel modo desiderato.

In generale, l'oggetto Parte era progettato per servire come blocco costruttivo basilare per creare assemblaggi. Questo oggetto è usato per raggruppare insieme diversi corpi e muoverli insieme come un'unità, ovvero come un sotto-asseblaggio. Successivamente questo sotto-assemblaggio può essere posto vicino a un altro sotto-assemblaggio (o usato al suo interno) in modo da creare l'assemblaggio finale.

Assemblaggio regolamentato

È possibile usare un ambiente dedicato all'assemblaggio, come A2plus, Assembly3, o Assembly4. Si noti che Assembly2 non è mantenuto; il suo uso è fortemente sconsigliato per i nuovi modelli.

Gli ambienti di assemblaggio usano vincoli ed espressioni per creare relazioni tra i pezzi del modello, in modo da legare matematicamente gli oggetti sul posto; per esempio, "questa faccia dovrebbe attaccarsi a questa altra faccia", "questo cilindro dovrebbe essere concentrico a questo cerchio", "questo punto dovrebbe seguire questo bordo", ecc.

Questo è un uso avanzato del software che normalmente è usato in complessi sistemi meccanici. Se il modello non è troppo complesso, usare un ambiente di assemblaggio può non essere necessario.

Note

Per ora (FreeCAD 0.19) non è previsto alcun ambiente di assemblaggio ufficiale incluso di default col sistema. Gli ambienti di assemblaggio sono difficili da programmare perché molti problemi devono essere risolti riguardo un uso efficiente dei corpi e delle parti nei modelli. Ciononostante, l'introduzione dell'oggetto App Link ha migliorato la situazione.

Si noti che gli ambienti di assemblaggio sono in genere incompatibili tra loro. Se si crea un assemblaggio con uno di questi ambienti, si dovrebbe rimanere fedeli ad esso, e non usare un altro ambiente di assemblaggio per lavorare sullo stesso documento.

Gli ambienti di assemblaggio continuano ad essere sviluppati, e ci si aspetta che ad un certo punto un ambiente di assemblaggio emergerà come quello "ufficiale". Questo potrebbe succedere promuovendo uno degli attuali ambienti di assemblaggio, o combinandoli assieme per produrre una soluzione più complessa.